Fonte di Vico

Torre dello Sperone

"Il balcone più bello della Marsica"

Gioia dei Marsi Territorio del Parco Nazionale d'Abruzzo

L' Orso Marsicano è il simbolo del Parco 

Fonte Vecchia

Una fontana monumentale dalle severe forme barocche.

Lucio Dalla

Partecipò alla VII edizione del Festival Nazionale di Gioia svoltasi dal 5 all'11 agosto 2011

                    

IL COMUNE INFORMA

_____________________________________

_____________________________________

A decorrere dal giorno mercoledì 2 novembre 2016, in accordo con il Dirigente Scolastico, al fine di garantire una migliore organizzazione del servizio la popolazione scolastica sarà così disposta:

Scuola dell'Infanzia c/o il plesso di Gioia dei Marsi in Via Veneto;

Scuola Primaria c/o il plesso di Casali d'Aschi in Via Gualtrone;

SSIG c/o il plesso di Gioia dei Marsi in Via Veneto.

 
_____________________________________
____________________________________
____________________________________
 _________________________________
 
 

_________________________________

Avviso pubblico di manifestazione di interesse, procedura negoziata per la vendita di un lotto boschivo nel Comune di Lecce nei Marsi per la stagione silvana 2016.

_________________________________

AVVISO PUBBLICO DI MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER L'ESPLETAMENTE DI PROCEDURA NEGOZIATA PER L'AFFIDAMENTO DELLA FORNITURA DI LEGNA DI USO CIVICO NEL COMUNE DI LECCE NEI MARSI PER LA  STAGIONE INVERNALE 216/2017

_________________________________

CONTRIBUTO PER LA FORNITURA GRATUITA E SEMIGRATUITA DEI LIBRI DI TESTO   
ANNO SCOLASTICO 2015/2016 (Art. 27 Legge 23.12.1998, n. 448)

Allegati : 

_________________________________

AVVISO PUBBLICO PER L’AGGIORNAMENTO DEL PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E DEL  PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L’INTEGRITA’  -   TRIENNIO 2016/2018  -

Allegati :

_________________________________

AVVISO PUBBLICO

_________________________________

A TUTTI I FORNITORI DEL COMUNE

ALLEGATI:

_________________________________

Procedimento S.U.A.P.  Progetto per l'ampliamento attività produttiva esistente in via Provinciale Marsicana n.83 s.n.c. Comune di Gioia  dei Marsi . Convocazione conferenza dei servizi ai sensi degli artt.14 e 14 quinques della Legge 7 Agosto 1990 n.241 D.P.R. n. 160/2010:

ALLEGATI:

_________________________________

CARTA SIA – Sostegno per l’inclusione attiva   

Allegati:

_______________________________________

 

AVVISO ai sensi dell’art.331 del D.P.R. 207/2010

Documenti Allegati:

_______________________________________

AVVISO ai sensi dell’art.331 del D.P.R. 207/2010

     Tariffe TARI anno 2015 (Tassa sui Rifiuti)

_______________________________________

_______________________________________

Si avvisa che l’estratto del bando in oggetto, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale - IV serie speciale concorsi n. 79 del 04.10.2011, e’ stato annullato e sostituito. Pertanto, il nuovo termine di presentazione delle domande di partecipazione al citato concorso scade il trentesimo giorno dalla data di ripubblicazione dell’estratto medesimo sulla Gazzetta Ufficiale - IV serie speciale concorsi.

AVVISO N. 5 DEL 13. 02. 2012. CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI PER LA COPERTURA A TEMPO PIENO E INDETERMINATO DI N. 1 POSTO DI ISTRUTTORE DIRETTIVO DELL’AREA TECNICA - CAT. D - POSIZIONE ECONOMICA D1: ELENCO DEI CANDIDATI AMMESSI CON RISERVA E DEI CANDIDATI ESCLUSI. RIFERIMENTO: BANDO PUBBLICATO ALL’ALBO PRETORIO ON LINE E SUL SITO ISTITUZIONALE DI QUESTO ENTE IN DATA 11.10.2011.

Visualizza avviso integrale.

_________________________________________________________

Avviso Pubblico n. 26 del 30.06.2016

Allegato: avviso integrale di rinvio del calendario

 

CULTURA,EVENTI E NOTIZIE DA GIOIA

a cura dell'associazione Nuovo Corso

Il restauro è costato intorno ai 100 mila euro. Presto sarà resa nota la contabilità

Sabato e domenica, 26 e 27 novembre 2016, nel nostro paese, si è riaperta la chiesa di Gioia Vecchio, costruita nel 1749 e dedicata a S.Vincenzo martire, distrutta nella quasi totalità dal terremoto del 1915, ricostruita leggermente spostata e accorciata su progetto dell'Ing. Vincenzo Falcone, a iniziare dal 1955 per essere finita dopo parecchi anni di lavoro. Per qualche mese, la chiesa è stata chiusa per il tempo che è servito per realizzare un profondo restauro conservativo, presentato domenica, nella chiesa stessa, dall'Ing. Tommaso Fazi, che ha condotto i lavori e che devolverà il suo onorario a favore della chiesa di Gioia, detratte le imposte. Anche l’impianto elettrico è stato sistemato. Resta da arredare la chiesa e da sistemare meglio le campane. La speranza espressa anche da Padre Eusebius è che la restaurata chiesa abbia le attenzioni di una manutenzione ordinaria e che non resti chiusa.

Sabato mattina, il Vescovo di Avezzano, Mons. Pietro Santoro, accompagnato dal diacono Valentino Nardone, ha celebrato una messa insieme con padre Lizziero, di Ortucchio, Vicario Foraneo, don Gabriele Guerra, già parroco di Gioia, don Vincenzo Piccioni, parroco in Via Nuova, di Avezzano, don Giuseppe Liu, parroco in Lecce nei Marsi, padre Eusebius, attuale parroco di Gioia e Casali d’Aschi.

 Domenica, in mattinata, don Emidio Cerasani, neo sacerdote di San Benedetto, ha celebrato messa, assistito da Padre Eusebius. Per il Comune di Gioia erano presenti il Sindaco, Gianclemente Berardini, la vicesindaco Emiliana Longo, l’assessore Cesidio Bassi e il consigliere comunale Antonio De Ioris.

 Subito dopo, il comitato ha rifocillato gli intervenuti. Dalle ore 18,30 e per un'ora, nella chiesa parrocchiale di Gioia, il Coro Polifonico "Stella Maris di Magomadas,in provincia di Oristano, ha tenuto un concerto in lingua sarda, cantando, tra l’altro, una Ninna Nanna, canti natalizi e brani spiritual. Il presentatore del coro ha fatto sapere che il coro si è recato a Gioia Vecchio e, in chiesa, ha cantato un Miserere per i morti al tragico terremoto del 1915, che rase al suolo Gioia e la chiesa di San Vincenzo. Lo stesso presentatore, nel corso del concerto, ha più volte evocato il terremoto e le vittime da esso provocate.

Il Comitato,costituitosi per il restauro della chiesa di Gioia Vecchio, è formato dai signori: Padre Eusebius, don Gabriele Guerra, Anna Antonelli,Nicola Antonelli, Emilio Aureli , Gino Aureli, Mauro Deleuterio, Adelmo Graziani, Franco Salvati.

Alla spesa per il restauro hanno contribuito: Conferenza Episcopale Italiana, Curia Vescovile dei Marsi, con sede in Avezzano, Comune di Gioia, Fondazione Cassa di Risparmio dell’Aquila, Cittadinanza e Associazioni gioiesi, Imprenditori gioiesi. La contabilità delle spese sostenute sarà resa pubblica non appena possibile.

Il Coro Polifonico “Stella Maris” di Magomadas, diretto dal maestro Gio Maria Tedde, nasce nel 1991 da un coro parrocchiale femminile, guidato dal presidente Luciano Sechi. Dal 1992, il coro si dedica allo studio del genere musicale “negro spiritual”, con risultati eccellenti. Attualmente è un coro misto composto da 8 maschi e 8 femmine, ha partecipato, con lusingheri successi,  a parecchie Rassegne di canto e folklore e si è esibito in moltissime città europee.

 

 

A bordo campo

Questo fine settimana appena passato ha regalato ai gioiesi, che sono saliti al vecchio borgo di Gioia Vecchio, uno spettacolo di magìa pura. I gialli dorati, i verdi cupi, le varie tonalità dei rossi autunnali del nostro pre-parco e poi del parco ci hanno accompagnato per tutti i tornanti della salita in uno scenario noto che pure ci stupisce ogni volta. Queste due mattine, però, la vera poesia l’ha scritta la nebbia: ha cancellato alberi e tetti, si è espansa, soffice, su tutta la conca, ha ridisegnato paesi e orizzonti…. infine, in un’atmosfera surreale, ha restituito alla nostra fantasia di marsicani nostalgici, il nostro lago. Per alcune ore il Fucino ci ha evocato acque, pescatori e reti, querce e faggi sono diventati ulivi e viti … e noi, immersi in questo sogno, ci siamo ritrovati bambini in grado di fantasticare, di far rivivere, di immaginare ancora atmosfere… di sentirci, con l’innocenza dei nostri padri, una vera comunità intorno a una Chiesa, a una Storia, a una Identità.

I quand s rammore la jernata/ i l stell s’appiccian una ad una/ m’appar tutta quanta ‘nargentata/ mentr recal i t bascia la luna...”. (ciesse)

 

 

Lezione di Geologia nell’aula a cielo aperto
 
Proficua collaborazione tra Comune e Università D’Annunzio

Il dantesco verso  “Poca favilla gran fiamma seconda” ha trovato un’ulteriore conferma a Gioia: da un intervento dell’Associazione Nuovo Corso durante un convegno di geologia patrocinato dal Comune, nel 2014, e tenutosi nel locale Hotel Filippone, è nato l’Osservatorio Regionale di Geologia di Gioia dei Marsi, caparbiamente voluto dal suo sindaco, Gianclemente Berardini e dalla sua Giunta. Il convegno del 2014 segnò l’inizio  delle manifestazione e degli eventi che hanno ricordato le vittime del terremoto del 13 gennaio 1915, che rase al suolo l’intero paese di Gioia. Di tutto ciò tratteremo in un secondo tempo. L’Osservatorio ha mosso i primi passi nel 2015 grazie all’impegno scientifico e organizzativo di Enrico Miccadei e di Tommaso Piacentini, docenti dell’Università D’Annunzio di Chieti Pescara. Successivamente è stata costituita l’Associazione Monte Serrone, presieduta da Luigi Aratari, ingegnere gioiese. Comune, università e associazione, in sinergia, hanno in programma di fare conoscere e studiare la faglia evidenziata dal terremoto del 1913, che è un’autentica aula a cielo aperto. I professori Miccadei e Piacentini usano la faglia come una vera aula e vi conducono studiosi e studenti. L’ultima lezione, in ordine di tempo e non certo di importanza, è stata tenuta pochi giorni fa in  un “campo” del corso di Rilevamento Geomorfologico e Cartografia del Corso di Laurea in Scienze e tecnologie geologiche, che ha visto la partecipazione di una quarantina di studenti.

La presenza al convegno valeva tre crediti formativi

Organizzato dall’Ordine degli Avvocati  di Avezzano e dal Comune di Gioia dei Marsi, il 3 novembre , nel Centro Culturale “Moretti” di Gioia si è tenuto un affollato  convegno intitolato “La riforma della Giustizia e la riforma Costituzionale”.

I lavori sono stati introdotti e conclusi da Gianclemente Berardini, sindaco di Gioia e avvocato del foro di Avezzano. In rappresentanza della civica amministrazione erano presenti Emiliana Longo , vicesindaco e avvocato, l’assessore Cesidio Bassi e il consigliere Antonio De Ioris. I relatori, Avvocato Franco Colucci, presidente dell’ordine degli avvocati di Avezzano, Dr. Eugenio Forgillo, presidente del Tribunale di Avezzano, Dr. Andrea Padalino Morichini, procuratore capo della repubblica di Avezzano, hanno trattato con puntualità vari aspetti dell’attuale sistema giustizia mettendone in evidenza luci e ombre con precisi riferimenti alla dottrina e all’organizzazione concreta della macchina della giustizia italiana.

E’ intervenuto il Dr. Michele Fina, collaboratore del ministro della giustizia, Andrea Orlando, illustrando i passi compiuti dall’attuale governo verso la meta di una giustizia veramente giusta e dicendosi sicuro che la conferma della riforma costituzionale tramite il referendum del 4 dicembre potrebbe dare una forte accelerata anche alla riforma della giustizia, che l’attuale senato rallenta. Il Dr. Gennaro Migliore, sottosegretario alla Giustizia, che aveva voluto essere informato sull’elenco dei morti al tragico terremoto del 13 gennaio 1915 esposto nel centro “Moretti”, ha risposto puntualmente ai dubbi e ai quesiti dei relatori, rivendicando l’azione positiva dell’attuale esecutivo in tema di giustizia.

Ha concluso i lavori l’avvocato Gianclemente Berardini auspicando un ripensamento da parte del governo sulla chiusura del tribunale di Avezzano, che pare sia stata rinviata al 2020, salvo imprevisti.